Skip to: site menu | section menu | main content

Quattro giorni di assoluto silenzio

Orazione civile sulla vita e la morte per strada

 

 

§§§§§

 

In giro con il BOOKRING*

@Quattro giorni di assoluto silenzio

-Entry 1 by Bizzi from Castelcucco, Veneto, Italy on sabato 1 settembre

Orazione civile sulla vita e sulla morte per strada (sottotitolo)
"I recenti fatti di cronaca sottolineano come la patente a punti, dopo gli entusiastici commenti iniziali, non abbia assolutamente risolto il problema delle morti sulle strade; non basta perseguire esclusivamente il metodo repressivo, bisogna anche lavorare sulle strutture, sugli accorgimenti tecnici e sulla mobilità pubblica.
Ma riteniamo opportuno anche continuare ad invitare ad una riflessione personale sul nostro operare quotidiano, se non altro per darsi una ragione di vita." dal sito http://www.quattrogiorni.com/ ........
Quando un paio d'anni fa avevo letto questo libro mi aveva colpita molto, ora non c'è giorno che non senta parlare di morti sulla strada, quindi memore delle parole di Tiziano Terzani "Questi sono ancora giorni in cui è possibile fare qualcosa. Facciamolo. A volte ognuno per conto suo, a volte tutti insieme", ho deciso di lanciare un ring

-Entry 2 by ermydave from Millesimo, Liguria, Italy on venerdì 7 settembre
arrivato oggi; lo metto in coda ad un altro ring

-Entry 3 by ermydave from Millesimo, Liguria, Italy on venerdì 21 settembre
Provvederò a spedirlo la prossima settimana.
è un libro molto istruttivo... dovrebbero leggerlo tutti

-Entry 4 by simonaflo from Savigliano, Piemonte, Italy on venerdì 28 settembre
Arrivato questa mattina... Ciao

-Entry 5 by simonaflo from Savigliano, Piemonte, Italy on giovedì 18 ottobre

Quando guido non faccio altro che pensare al ragazzo con la maglia a righe gialle e verdi...
Una lettura pesante... ma dovrebbero farla tutti quanti. Grazie mille Simona

-Entry 6 by chicca65 from Gallarate, Lombardia, Italy on martedì 6 novembre

arrivato ieri e già finito di leggere.... libro serio che ti fà pensare ma lo stile dell'autore è delicato e pensato apposta per i ragazzi.. forse cosi magari qualcuno lo ascolta davvero! Parte oggi alla volta di Silvano

-Entry 7 by SILVANO from Moncalieri, Piemonte, Italy on martedì 13 novembre
Ricevuto ieri. Grazie mille. Cerco di leggerlo il più velocemente possibile e rispedisco al prossimo iscritto

-Entry 8 by SILVANO from Moncalieri, Piemonte, Italy on venerdì 30 novembre

Una lettura che tutti dovrebbero fare, specialmente nella fase adolescenziale, ma non solo.
Lascia sicuramente l'amaro in bocca e fa riflettere su alcuni nostri a volte insulsi comportamenti.
Libro che viaggia da oggi verso splendida località montana, spero già innevata a dovere, destinataria vale1983

-Entry 9 by VALE1983 on venerdì 7 dicembre
E' qui...ne ho già letto qualche pagina ed ho già capito che lo leggerò in un soffio....
Mi aiuterà forse a dare un senso ad alcune perdite che ho avuto...grazie

-Entry 10 by little255 from Genova, Liguria, Italy on venerdì 21 dicembre
eccolo qui

-Entry 11 by little255 from Genova, Liguria, Italy on martedì 1 gennaio

Si legge in un paio d'ore e direi che lascia il segno. Scritto in modo semplice, come una chiacchierata tra professore e studenti di un liceo, ma le riflessioni che propone sono molto interessanti, i dati agghiaccianti e anche le storie. Speriamo che faccia riflettere soprattutto i ragazzi a cui è rivolto e la domenica mattina smetta di essere un bollettino di guerra

-Entry 12 by MelibeaPotter from San Gavino Monreale, Sardegna, Italy on lunedì 14 gennaio
Arrivato oggi

-Entry 13 by MelibeaPotter from San Gavino Monreale, Sardegna, Italy on mercoledì 6 febbraio

Letto d'un fiato, mi dispiace avervi fatto attendere così tanto. Un vero pugno nello stomaco. Sarà nei miei pensieri ogni notte quando tornerò a casa dal lavoro.
Aspetto notizie dal prossimo corsaro. E' pronto a ripartire

-Entry 14 by celesteathena from Sarnico, Lombardia, Italy on martedì 26 febbraio
Arrivato,va in coda ma è piccolo

-Entry 15 by celesteathena from Sarnico, Lombardia, Italy on venerdì 7 marzo

Purtroppo conferma quel che vivo ogni week end lavorativo...rimango però dell'idea che potrebbero essere utili visite guidate nei reparti di rianimazione xchè a quelle età le cose brutte, nell'immaginario collettivo, accadono sempre a fantomatici altri... e i ragazzi vivono in una sorta di bambagia creata da noi adulti che non li prepara certo alle gioie( si! gli abbiamo tolto anche quelle col dare troppo di tutto, meno che le relazioni!)e alle tristezze della vita.Ripartito oggi verso il prox corsaro...Grazie ring master!

-Entry 16 by Juliette1980 from Tortona, Piemonte, Italy on domenica 9 marzo
Arrivato ieri! Inizierò al più presto la lettura

-Entry 17 by Juliette1980 from Tortona, Piemonte, Italy on sabato 17 maggio

Finito e appena spedito.
Una lettura sicuramente molto istruttiva

-Entry 18 by ottina from Sanremo, Liguria, Italy on martedì 20 maggio
arrivato oggi...mi scuso in anticipo se ci metterò tanto a leggerlo...colpa della maturità


…….

*Il BookRing è un particolare tipo di BookCrossing; dove i partecipanti registrano i propri libri, e ne danno notizia sul sito con l’obiettivo di stilare un elenco di persone che li riceveranno e leggeranno a turno. Al termine del viaggio il libro torna nelle mani di chi l’ha lanciato, arricchito in più di un vero e proprio “Diario di Bordo”: una raccolta di note, foto e segnalibri, che i partecipanti aggiungono ad ogni passaggio.

http://www.bookcrossing-italia.com/

Back to top


Tatiana: sabato sera ero allo spettacolo teatrale: mi ha divertita, emozionata e commossa, ed in più mi ha fatto riflettere: tante cose in un'ora e mezza; davvero complimenti: Far fiorire dal dolore, un po' di saggezza e riflessione per tutti, in modo così accattivante e profondo allo stesso tempo, è una grande cosa. Complimenti, all'attore.

Emily: ho assistito al vostro spettacolo di educazione stradale e vorrei scrivervi le mie impressioni personali sull'incontro. Di sicuro questo tema delicato osservato e descritto dal punto di vista dello spettacolo ha avuto un certo effetto su degli adolescenti come noi che di discorsi seri ci capiscono poco o niente. Il modo di parlare sciolto e giocherellone ha catturato la nostra attenzione senza permetterci di parlare l'n con l'altro. non avrei saputo dire dove volevate arrivare con i quattro racconti di quei quattro ragazzi, in un primo momento ho pensato che aveste sbagliato palcoscenico ma devo ammetterlo è stata la parte fondamentale dell'incontro.
ci ha fatto capire che la gente che muore sulle strade ogni giorno non è solamente pezzi di carta su un giornale o fotogrammi trasmessi per televisione ma persone con parenti, amici, sogni e paure. dell'immenso dolore provato dalle loro famiglie ne ho condiviso anch'io un po' quando, dopo aver sentito il primo tragico finale e intuito il filo che legava
quelle quattro vite, mi sarei risparmiata volentieri quei tragici epiloghi. ma erano necessari per capire la gravità di queste ingiustizie capitate a giovani privi di colpa che ne hanno troncato la vita. da Emily buona strada.

Caterina: Ciao... io sono una ragazza che ha assistito al vostro spettacolo che è a dir poco riflessivo. Infatti mi ha fatto riflettere su tantissimi aspetti della mia vita, ma anche della loro di vita... una vita innocente che nn meritava minimamente di morire... fa quasi impressione come tutte queste vite felici e allegre dei giovani siano interrotte così, in un secondo tutto quello che c'era alle spalle puf... finisce...tutto! amici, famigliari, conoscenti,... tutti questi non esistono più, e perchè? perchè magari c'era un pirata della strada un ubriaco un drogato.... e proprio una cosa vergognosa!!!!
Voglio che tutti i genitori che hanno perso figli, sappiano che nel mio piccolo cuore c'è da adesso in poi un grandissimo spazzio per i loro giovani figli che ora sono nei cielo felici come non mai e che ci guardano e ci aiutano....ciao, ciao a voi angeli bianchi e ciao agli organizzatori di questo fantastico progetto...

 

C.: Salve!!! Sono Carlotta, una ragazza di 14 anni che oggi ha assistito all’incontro a San Vendemiano!!! Volevo complimentarmi con voi per questa bellissima rappresentazione teatrale su questo libro che io già precedentemente avevo letto e che oggi ho ripassato!!!! Spero vivamente che con questi vostri interventi i giovani, ma anche gli adulti, possano diventare più prudenti!!! Vi ringrazio ancora!!!

B.: ciao sono benedetta , e oggi 24 marzo 2011 ho visto il vostro spettacolo che trovo molto bello ,educativo e fa riflettere sulla strada con metodi originali ! complimenti :-)

Alba: Le nostre assemblee raramente contengono interesse da parte degli studenti ma questa volta era diverso. Forse per il coinvolgimento del tema in sé o forse per il coinvolgimento della rappresentazione e dell’attore, quest’assemblea ha avuto qualcosa di diverso. E’ riuscita ad attirare l’attenzione e, sono sicura, ha fatto riflettere molti. Non penso di essere stata l’unica ad aver pianto.. per questo credo che alla fine fare domande o osservazioni non serviva.. non serviva perché tutto parlava da sé e non c’era da commentare. Il silenzio era la cosa più naturale e giusta. Era il segno di esserci entrati dentro in quelle storie.. Era il segno che qualcosa di grande aveva colpito.. Era il SILENZIO davanti al dolore di vite spente. P.S. ci avevano chiesto se preferivamo vedere un film oppure una rappresentazione. Io avevo scelto il film poiché la parola ‘rappresentazione’ non diceva molto e non era chiaro che tipo di rappresentazione fosse. Poi però ci è stato detto che non c’era più bisogno di scegliere perché l’opzione era una sola ed era la rappresentazione. Avendola vista sono contentissima che non ci abbiano fatto scegliere. Non potevamo non vederlo. Tutti dovrebbero.

Gaia: Devo essere sincera, quest’oggi mi sono svegliata con un pensiero, (e forse anche con un po’ di preoccupazione ) che mi mulinava nella testa... Chissà se questa assemblea scolastica possa coinvolgere e allo stesso tempo affascinare l’intero Liceo Classico di Fabriano? Il tema, (pensai ) non è poi così radioso. I ragazzi, potrebbero non gradire. L’apparente silenzio, potrebbe sfociare nel mormorio più fastidioso…Si sa, a NOI ragazzi, le cose, devono piacere all’istante. Questa volta, mi sbagliavo… In 5 anni di scuola, non ho mai visto un interesse così accesso da parte di tutti noi. Sono rimasta sbalordita. Le parole, i gesti e le espressioni dell’attore, sono penetrate in ognuno di noi con grande impatto. Il racconto di quelle quattro brevi storie ha suscitato spasimo, tristezza… ha posto le basi per una lunga e profonda riflessione. Alla domanda:- Avete qualcosa da chiedere? C’è stato qualcosa che vi ha particolarmente colpito? La risposta è stata chiara: SILENZIO. E vi posso giurare, che non è stato un mutismo dovuto alla vergogna di proferire parola in pubblico; è stato un silenzio parlante. È stata un’apparente incomunicabilità, fatta di sguardi. Scorgevo, tra le tribune, ragazze che si asciugavano gli occhi, che guardavano in terra o per aria, con le braccia incrociate… ho “visto” me stessa… piangere. Ringrazio infinitamente l’attore e il professore che ci hanno regalato una lezione di vita… Uscita dall’assemblea sono salita in auto e, ripensando alle parole appena sentite, ho allacciato la cinta...

Antonella: Buonasera! Oggi abbiamo assistito allo spettacolo. Grazie davvero per le belle emozioni che ci avete regalato...Quel silenzio così profondo...così spontaneo...è stato FANTASTICO...non ci sono parole per descrivere le sensazioni provate durante la rappresentazione...quel lenzuolo...faceva quasi impressione...Complimenti davvero per il lavoro che fate, sarebbe bello che tutte le persone prendessero REALEMENTE coscenza di cosa significa "viaggiare su strada"...
Ancora complimenti!!! Lo spettacolo è stato bellissimo!!!!!
Arrivederci Antonella B.

F.T.: non posso che raccontarti cose belle. Lo spettacolo ha avuto riscontro oltre le aspettative: anche chi non c'è stato (colleghi ed altri alunni) hanno ricevuto l'impatto emotivo delle classi, perchè tra di loro ne hanno parlato e sono venuti da me per avere notizie. Per il momento sto distribuendo il questionario (ho scelto di farmi aiutare da alcuni colleghi e penso di averli tutti entro sabato): sicuramente ti farò avere il resoconto sia della loro valutazione, sia i commenti (sicuramente tutti, le critiche che ho letto sono comunque costruttive) Sicuramente, visto la bontà dell'iniziativa ci incontreremo ancora, grazie di tutto

Vincenzo: sono un ragazzo dell’istituto gandini di lodi e il 1 marzo ho assistito al vostro spettacolo. Che dire, solo che siete stati veramente bravi a modellare un così grave problema, che a volte ci pare lontano, in forma teatrale. La vostra forza è che ci avete fatto conoscere alcuni dei ragazzi che ogni anno muoiono nelle nostre strade e gli volevamo bene come se li avessimo conosciuti da una vita, o come se loro fossero nostri amici, o noi stessi. “Perché fare macchine che vanno a 300 all’ora se il limite è 130km\h”? frase simbolo della giornata. La partecipazione della platea e l’interazione con essa sono stati i vostri punti di forza. Grazie.

Daniela: salve, sono una ragazza che ha assistito al vostro spettacolo teatrale di oggi all'ITCG Battisti di Salò.
vi scrivo questo breve messaggio per ringraziarvi per il vostro lavoro e il vostro impegno. mi avete dimostrato che ci sono ancora persone che si impegnano per cose importanti quali il valore della vita, che noi giovani, proprio perchè inesperti e spensierati di nostra natura, non riusciamo ancora appieno a comprendere. per questo alla gente come voi va la mia gratitudine: oggi, in quella piccola aula magna in quel piccolo paese di provincia, nella quotidianità di una ragazza di 18 anni, mi sono emozionata insieme ad alcuni compagni. Avete trattato un tema che, come tanti altri, troppo spesso viene ignorato a favore del " ben più importante e incombente" programma scolastico. Ma poiché noi giovani non siamo contenitori per nozioni, ma persone, voi avete oggi fatto tanto per noi. Probabilmente in quell'aula magna c'era oggi qualche ragazzo che subirà in futuro un incidente stradale, qualcuno che si schianterà e qualcuno che dimenticherà le vostre parole, ma avete fatto un passo nella direzione giusta. io avevo gli occhi lucidi, e non ero la sola.
Samuele si è dimostrato un attore competente, in grado di coinvolgerci e affascinarci nella narrazione. Ha raccontato storie di ragazzi vicini al nostro modo di essere, ragazzi semplici, ragazzi normali nel pieno della loro vita, che mai nessuno avrebbe immaginato protagonisti di una tragedia.
grazie per questa bella lezione.

Ale: Ciao sono dell'istituto 8 Marzo di Mirano dove avete fatto lo spettacolo questa mattina. Devo dire che è stato molto interessante e coinvolgente, cosa che ho apprezzato molto l'inizio dove la risata ci sta fino ad arrivare alla conclusione più riflessiva; ma soprattutto un modo diverso da tutti gli altri per fare educazione civica stradale o come la si vuole chiamare. Insomma queste 2 ore o quasi non sono state assolutamente perse, cosa che cercano gli studenti in genere per saltare un'ora di lezione, ma anzi io credo che quasi nessuno sia riuscito a distrarsi durante la rappresentazione. Inoltre in qualità di rappresentante d'Istituto voglio ringraziarvi a nome di tutti i presenti, veramente un ottimo lavoro complimenti!!!

Martina P.: ...siete riusciti con il vostro impegno e la vostra sincerità ad arrivare al cuore dei ragazzi, e ne avete avuto la prova con i messaggi che vi hanno inviato. Se ci viene data l'opportunità, mettendo da parte le superficialità e i luoghi comuni, , noi riusciamo a dimostrare quanto il tema che tratta il vostro spettacolo ci stia a cuore, perchè parla di noi ,e del nostro futuro. Ringrazio tanto te e i ragazzi che lavorano con te, state facendo una cosa bellissima per noi ragazzi. Ciao

Emma: Salve sono Emma ed ho assistito al vostro spettacolo il 6 dicembre a Cortina d'Ampezzo. Sono restata veramente colpita e volevo farvi i complimenti perché è veramente coivolgente. Tutti gli anni facciamo la giorna della sicurezza stradale ma mai ho visto una cosa così interessante. Grazie mille.

F.M. : Buon giorno sono una ragazza di 16 anni che oggi ha assistito al vostro spettacolo a Cortina d'Ampezzo. All'idea di partecipare alla solita e noiosa conferenza sulla sicurezza stradale, io stessa, come alunna, come giovane ero seriamente seccata. La mamma, il papà, la nonna, zii, parenti, professori infatti ogni giorno ripetono le stesse identiche cose: attenzione, velocità controllata, massima allerta; e noi quasi non li ascoltiamo più, sono solo parole sprecate, voci inaudite. E poi una volta all'anno c'è qualcun'altro che si mette a ribardirci le stesse regolette e gli viene data la medesima attenzione, pari a 0. L'anno scorso infatti presso di noi sono arrivati dei vigili e poliziotti che ci mostrarono immagini macabre e impressionanti, sangue, ferite, dati raccapriccianti che ci hanno solamente impauriti e sconvolti!!! Ma quest'anno qualcosa è cambiato, un signore arzillo e simpatico e un
giovane ed eccellente attore hanno varcato la nostra soglia, forse accolti da poca partecipazione (la causa è dettata da pregiudizi su questo genere di incontri) ci hanno semplicemente stregati. E' stata un'esperienza indimenticabile, un teatro divertente e molto intrigante. Samuele è stato un attore eccelso , le sue facce, imitazioni, battute, semplicemente tutto fantastico. Verso la conclusione di questo teatro, lacrime sincere sono scese dai miei occhi, per Fabio, Daniele e gli altri due ragazzi. Penso che tutti ci siamo specchiati in ognuno di questi ragazzi e vedere la loro fine è veramente straziante. Finalmente penso che i cuori di tutti i ragazzi in quel teatro si siano sciolti e finalmente tutti abbiano capito e siano pronti a porsi in una diversa maniera sulla strada. Un inchino a voi artisti, grazie.

Ely: Ciao! Vi scrivo con molto piacere per dirvi che ho molto apprezzato il vostro spettacolo teatrale. Al contrario della maggior parte degli altri spettacoli, a cui ero felice di andare solo per saltare qualche ora di scuola, questo mi ha appassionata molto. Siete riusciti a spiegare cose molto difficili, soprattutto da capire, in un modo semplice e divertente sottolineando le passioni di noi giovani. Ho imparato molte cose e dispiace sempre sapere che alcuni ragazzi che conducono una vita normale finiscano in queste tragiche situazioni.
In conclusione volevo ringraziarvi e volevo farvi i miei complimenti per essere riusciti a farci interessare all'argomento in modo così coinvolgente.

Faby: Ciao, sono una ragazza ke martedì a assistito al vostro spettacolo teatrale a castiglione delle stiviere... è stata l'incontro ke mi a più coinvolta... Volevo farvi i miei complimenti per come avete trattato il tema dei pericoli sulla strada, perché in molti ci siamo emozionati... Grazie mille... complimenti anke a raffaele (ke è venuto a castiglione) e anke gli altri ragazzi ke si impegnano in queste rappresentazioni.. grazie ancora...

 

Valentina: ho assistito allo spettacolo che avete fatto nella mia scuola, l'istituto Gonzaga di Castiglione delle Stiviere. Come prima cosa volevo ringraziarvi molto per l'opportunità che avete dato a tutti noi. Inoltre volevo anche complimentarmi per come siete riusciti a rendere un argomento come la sicurezza stradale un momento di riflessione sulla vita in generale. Grazie ancora! Valentina

M.G. : ciao a tutti! ho assistito al vostro spettacolo all'istituto francesco gonzaga....è stato veramente interessante! e sentendo i commenti di tutti gli altri compagni, a quanto pare è piaciuto proprio a tutti!!! ci ha colpito molto il modo con cui è stato affrontato l'argomento, non è stata la solita ramanzina "terroristica"....anche perchè credo che in fondo tutti sappiano che è pericoloso guidare in stato di ebbrezza o sotto stupefacenti, il problema è che molti non credono che possa succedere davvero a loro, è sempre vista come una cosa che capita ad "altri"...il vostro spettacolo apre davvero gli occhi! Mi sarebbe piaciuto sapere anche come fare a comprare il cd che avete regalato oggi... grazie

Daniele:...sono uscito dal teatro da poco e vorrei dirvi il mio pensiero.. ho osservato lo spettacolo con uno sguardo e un'attenzione diversa dagli altri. Ormai da due mesi ho perso un grande amico..si chiamava Matteo..anche lui era un ragazzo come Daniele, Fabio, insomma un ragazzo come tanti con tanta gioia nel cuore e pieno di voglia di vivere..aveva sempre il sorriso sulle labbra.. beh una sera quel sorriso l'ho visto per l'ultima volta..stavamo andando a festeggiare un compleanno eravamo diverse macchine in fila indiana che procedevamo verso il ristorante..la macchina che guidava il gruppo era quella dove nel posto dietro passeggeri vi era seduto Matteo..quella sera, in una curva quella macchina è uscita di strada capovolgendosi piu volte..quando la vidi subito non avevo collegato che fosse una macchina del mio gruppo perche spesso si pensa che a noi non possa succedere nulla..delle quattro persone a bordo della vettura una non c'e piu..rimane solo un grande ricordo nel nostro cuore..stamattina a metà spettacolo sono dovuto uscire un attimo perchè non resistevo più..mi avete colpito e ho trovato giusto l'argomento trattato. continuate così..grazie per avermi ascoltato..complimenti ancora. cordiali saluti Daniele

 

Martina: Volevo solamente ringraziarvi per lo spettacolo, è stato diverso. E proprio per questo volevo ringraziarvi. Sapete, durante tutto il tempo non riuscivo a non pensare a dei versi, di una canzone dei subsonica, che fanno così:
"strade che si lasciano guidare forte / poche parole, piogge calde, buio / tergicristalli e curve da drizzare / strade che si lasciano dimenticare."
La canzone naturalmente si chiama Strade.
Oppure, sempre dei 5 musicisti torinesi, c'è Quattrodieci:

"una notte sbagliata / uno schianto, l'oscurità

una curva sbagliata / una sorte, l'oscurità

Un lenzuolo di pietra / un domani che non verrà
la mia rabbia è scolpita / e ora non mi abbandonerà
mentre piango i tuoi occhi / io ti cerco dentro di me
per urlare più forte / per soffrire più forte / per respirare più forte
la tua stella si spegne / la sua luce viaggia con me
la tua mano è già fredda / il suo tocco viaggia con me."
Vi ringrazio ancora e vi auguro buon lavoro, martina

Elisa: ciao, ho assistito al vostro spettacolo tenutosi a forlì.. che dire.. stavo per piangere.. è stato davvero commuovente quanto bello lo spettacolo... soprattutto perchè rappresenta la realtà di tutti i giorni purtroppo... mi ha fatto riflettere molto... come ragazzi della mia età possano perdere la vita per strada.. con quanta "facilità" si possa passare dalla vita alla morte...è come se quei ragazzi li conoscessi da tempo.. così simili a noi, a me... che dire... mi ha fatto capire molte cose... e forse l'aspetto più terribile della strada...
oltre a questo.. vi faccio i complimenti.. davvero un bellissimo spettacolo... un saluto a tutti...

Marvy: Ho assistito alla rappresentazione, insieme ad alcuni colleghi e alla mia classe, la 3^C, e devo dire che sono rimasta profondamente commossa. Anche i ragazzi, nei momenti più significativi, hanno mantenuto il silenzio per parecchi minuti. La riflessione è nata spontaneamente. La messa in scena rispecchia con semplicità il libro, che avevo letto tutto d'un fiato pochi giorni prima, immergendomi completamente nelle storie raccontate. Anch'io ho avuto un doloroso incidente stradale, anni fa, e mi sono salvata. Sono stata fortunata. Ma la fortuna non capita sempre, ecco perché è importante sensibilizzare e responsabilizzare i ragazzi.
E' una bella iniziativa, da portare avanti. Ringrazio quindi tutti voi, anche a nome dei miei allievi, per l'opportunità che ci avete offerto: un modo diverso per stare insieme ed affrontare una tematica difficile e delicata.

Pensieri raccolti a Codroipo:

-Mi è piaciuto perchè non è stato monotono e tutto triste. Il finale è stato commovente e coinvolgente

-Bello, coinvolgente, non me lo sarei mai aspettato così..

-E' vero che se una persona va a 100 Km/h l'impatto è a volte molto violento? (NdR : subire un urto a 50 Km/h è come cadere dal terzo piano!!!)

-Bello spettacolo, ma purtroppo mi ha fatto piaangere perchè ho pensato ai miei morti sulle strade.

-Grazie x questa rappresentazione

-E' stato bello...Gli organizzatori potevano coinvolgere più gente! Quando sarà il prossimo spettacolo?

-Complimenti! Siete stati molto bravi e avete fatto capire moltissime cose importanti.

 

S.M. Coletti: salve, oggi siete venuti nella mia scuola... è strano come un pezzo di strada nato per la comunicazione venga poi usato come luogo di sterminio... è brutto sapere che uno di quelle vittime potevo essere io... ed il peggio è sapere che tutto questo è la realtà, crudele, micidiale e che sia l'imprudenza, il fregarsene di chi è più debole a fare tutto ciò.... non è possibile, non può essere possibile che una via di comunicazione venga usata cosi... cavoli, non pensavo che tutto ciò accadesse veramente, non ho mai ascoltato realmente queste notizie e al solo pensiero provo odio a me stessa... possibile che non facciamo realmente qualcosa?... la strada fa più vittime della guerra... è proprio vero... DI ATTI INTELLIGENTI CE NE SONO POCHI MA DI QUELLI STUPIDI SIAMO I CAMPIONI... volevo ringraziarvi molto per avermi aperto gli occhi, forse mi bastava ascoltare cosa mi dicevano gli adulti... prometto che ascolterò di più i problemi, anche i più semplici, perchè non voglio creare un mondo il cui la vita di un altro conti meno della propria... ancora grazie e spero che altri la pensino come me... PER UN MONDO DIVERSO... ARRIVEDERCI...

P.S. a proposito venerdi 7 al palazzo della provincia (giusto???)... a presto... scusate se ho scritto troppo...

Luca: C'ero anch'io stamattina a Ferrara, anche se non come studente (oramai sono fuori quota...) Complimenti, siete riusciti a 'scaldare' un po' questa fredda giornata. Buon lavoro.

Daniele: ciao, pochi giorni fa avete proposto la vostra rappresentazione nella mia scuola, devo dire che a mio parere è stata molto molto toccante e significativa, soprattutto perche seppur in forma più lieve di chi ha perso dei propri cari direttamente, anche la nostra scuola ha passato mesi non prorio allegri... tanti complimenti e sostegno dallo Scalcerle.

Chiara: ciao io sono una studentessa di terza, voi siete venuti ieri a mostrare il vostro bellissimo spettacolo e forse nonostante il dolore del riaffiorare dei ricordi per le 5 persone perse, siete gli unici ke ci hanno fatto veramente riflettere senza assurde ramanzine... io veramente vi auguro di riuscire a far riflettere tante altre persone con questi migliori auguri vi saluto...

Valentina: ciao, mi chiamo valentina e ho 16 anni.Questa mattina ho assistito allo spettacolo teatrale. devo farvi i miei complimenti. è stato stupendo. è stata un'occasione per farci riflettere, cosa che non accade più molto spesso ormai... e questo, a mio avviso, è stato il modo migliore per spingerci a farlo. credo che ognuno dei ragazzi che oggi ha potuto vedere la rappresentazione abbia poi potuto rifletterci in un secondo momento... io mi sono addirittura commossa. concludo porgendovi i miei più sentiti ringraziamenti e spero che il vostro progetto continui ancora per molto tempo e che molte altre persone abbiano la fortuna di assistere al vostro spettacolo. grazie di cuore ancora.

 

Ferrara: Continuate su questa strada!

 

Giovanni (Fe): L'idea iniziale non mi piaceva. Temevo le solite noiose prediche. Poi dopo aver partecipato mi sono ricreduto e devo dire che e' stato bello, coinvolgente ma prima di tutto VERO! Se solo la gente cipensasse a cio' che fa prima di guidare o mentre guida tante persone potrebbero essere qua con noi al posto che...


Anna: Salve, sono una 16enne dell'istituto scalcerle, dove avete rappresentato lo spettacolo questa mattina. Ho trovato lo spettacolo molto interessante e soprattutto educativo, e volevo rigraziarvi perchè avete trovato a mio parere una maniera diversa e originale per fare riflettere noi ragazzi. Spesso infati noi adolescenti quando facciamo educazione stradale, ci vengono dette sempre le stesse cose: andate piano, bevete con responsabilità, non drogatevi: ma queste cose ci entrano da un orecchio e escono dall'altro. Volevo ringraziarvi veramente di cuore per quello che avete fatto: che non è stata la solita predica, ma un insegamento e una riflessione. Grazie ancora.

s.n.: Ciao. Sono del liceo scientifico di Conegliano. lo spettacolo e' stato molto interessante... xo' non siamo noi ke dobbiamo guardarlo ma quelle persone che hanno la patente.

Marco: Ritengo la rappresentazione estremamente coinvolgente ed interessante. Un argomento all'ordine del giorno, ma spesso poco argomentato. Complimenti al cast che ha saputo toccarmi nel profondo. GRAZIE!

 

Back to top